Il calcolo della Tari e della Tarip nel Comune di Mira è corretto e conforme alle norme vigenti

I regolamenti concernenti la tassa/tariffa puntuale sui rifiuti (Tari/Tarip) del Comune di Mira sono conformi a quanto previsto dalla legge 147/2013 e dal Dpr 158/1999.

Pertanto, come previsto dalle linee guida del ministero dell'Economia e finanze, le pertinenze delle utenze domestiche sono considerate solo ai fini del calcolo della quota fissa.

Infatti il metodo di calcolo della quota fissa si basa unicamente sul numero di metri quadri dei locali di abitazione comprese le pertinenze.

La parte variabile, negli anni 2014 e 2015 in cui è stato applicato il tributo (TARI), è stata calcolata solo sul numero dei componenti del nucleo familiare, indipendentemente dalla superficie dei locali (abitazioni e pertinenze).

La parte variabile, negli anni 2016 e 2017 in cui si applica la tariffa puntuale (Tarip), è invece calcolata sulla base del numero di conferimenti, effettuati dagli utenti, relativamente ad alcune tipologie di rifiuto. Per i materiali riciclabili, invece, il metodo di calcolo dipende unicamente dal numero dei componenti del nucleo familiare.

Si segnala infine che, a seguito della notevole risonanza che ha avuto sui vari mezzi di informazione la questione concernente il calcolo della parte variabile della tassa sui rifiuti (TARI) relativa alle utenze domestiche, sono stati forniti chiarimenti sull’argomento da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze con la circolare 1/DF del 20/11/2017

pubblicata il 22 novembre 2017
<<
<
 ... 6789101112131415 ... 
>
>>