Contributo eliminazione barriere architettoniche

Descrizione

La Legge n. 13/1989 prevede la concessione di contributi a fondo perduto per la realizzazione di opere direttamente finalizzate al superamento e all'eliminazione di barriere architettoniche in edifici privati già esistenti, consistenti in:
  • modifiche degli accessi, delle rampe, dei corridoi, dei passaggi, delle scale, dei locali igienici e dei pavimenti;
  • installazione di ascensori e servo scala;
  • percorsi attrezzati;
  • segnalazione per i non vedenti.

La Legge Regionale n. 16/2007 prevede la concessione di agevolazioni e contributi atti a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visibilità degli edifici e altri ausili, quali condizioni per favorire la vita di relazione e la partecipazione alle attività sociali e produttive da parte delle persone con ridotta o impedita capacità motoria e/o sensoriale. Nello specifico sono previsti contributi per:
  • l'adeguamento di edifici e spazi privati aperti al pubblico (articolo 12);
  • l'adeguamento di edifici privati quali case di civile abitazione e luoghi di lavoro (articolo 13);
  • l'acquisto di facilitatori (ausili e attrezzature) della vita di relazione (articolo 14);
  • l'adattamento di mezzi di locomozione privati (articolo 16).

I contributi possono essere cumulati (cioè si possono richiedere entrambi).
Oltre ai contributi per l’eliminazione delle barriere architettoniche la cui spesa è sostenuta dall’utente, si può beneficiare di detrazioni fiscali ammesse dalla normativa in materia di IRPEF.

Requisiti

I cittadini del Comune di Mira che intendono richiedere tali contributi, devono rispettare i requisiti di seguito elencati:
  • presenza, nell'immobile destinato ad interventi per l'abbattimento delle barriere architettoniche, di almeno una persona portatrice di handicap;
  • alla presentazione della domanda, le opere NON devono ancora essere state realizzate;
  • alla presentazione della domanda, i facilitatori NON devono ancora essere stati acquistati (nei casi relativi alla Legge Regionale n. 16/2007).

Si raccomanda, onde evitare spiacevoli inconvenienti, di non effettuare alcun acconto o anticipazione di pagamento fattura prima di presentare la domanda di contributo.

Modalità di richiesta

Le persone interessate possono fare richiesta attraverso l'utilizzo dei moduli appositi disponibili sotto, con marca da bollo di € 16,00 e allegando:
  • copia del documento di identità in corso di validità del richiedente;
  • preventivo di spesa (comprensivo di IVA) intestato al richiedente del contributo;
  • certificato medico originale in carta libera attestante le condizioni di disabilità;
  • nota relativa alla privacy disponibile cliccando qui.

Specificatamente per il contributo relativo alla Legge n. 13/1989, occorre allegare anche:
  • certificato (o copia autenticata) attestante l'invalidità totale con difficoltà di deambulazione;
  • benestare del proprietario dell’immobile (nel caso di alloggio occupato in qualità di affittuario);
  • fotocopia del verbale di assemblea di condominio (nel caso in cui le barriere da eliminare siano presenti in parti comuni del condominio).

Specificatamente per il contributo relativo alla Legge Regionale n. 16/2007, occorre allegare anche:
  • copia del certificato di invalidità;
  • copia dell’autorizzazione comunale inerente l’opera (se necessaria);
  • descrizione delle modificazioni da apportare al mezzo e la patente di guida (solamente nei casi di adattamento di mezzi di locomozione privati – articolo 16 comma 1);
  • dichiarazione che la persona trasportata è sprovvista di patente o che non è più in grado di guidare l’automezzo (solamente nei casi di adattamento di mezzi di locomozione privati – articolo 16 comma 2).

I moduli per la presentazione della domanda sono disponibili cliccando qui:

Per informazioni o per richiedere un appuntamento, rivolgersi ai recapiti indicati in fondo alla pagina.
Per presentare la domanda, invece, bisogna recarsi all’Ufficio Protocollo (sito in Piazza IX Martiri 3 – 30034 Mira - VE) o inviare la documentazione richiesta tramite PEC all’indirizzo: comune.mira.ve@pecveneto.it.

Note

Il richiedente è tenuto alla presentazione all’operatore comunale di riferimento della rendicontazione delle spese sostenute.
La Regione Veneto, con proprio provvedimento, stabilisce periodicamente quali tipi di interventi finanziare e pertanto solo le domande relative agli interventi finanziati potranno essere ammesse a contributo. I tempi di erogazione dello stesso sono abbastanza lunghi in quanto legati al finanziamento da parte dello Stato e della Regione.
I contributi possono essere cumulati anche con le detrazioni fiscali; tuttavia, in fase di erogazione, va tenuto conto dei benefici economici già eventualmente ottenuti al fine della liquidazione delle somme, che non possono mai superare la spesa sostenuta.
Si specifica che è possibile avere la fornitura di un ausilio protesico montascale gratuitamente, da parte dell'Azienda ULSS, previa verifica sulla fattibilità del montaggio (in pratica, verrà fatto un sopralluogo da parte del personale dell’AULSS per capire se l'ausilio fornito dalla stessa è compatibile con il tipo di scala); per informazioni, rivolgersi al Distretto Sanitario di Camponogara - ufficio protesico (Piazzetta Unità d'Italia, 5, telefono 041 463733).



PER RICHIEDERE INFORMAZIONI O PRENOTARE UN APPUNTAMENTO

Servizio Politiche Sociali
  • numero 0415628170 (Ufficio Casa, interno 2), dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00
  • mail servizisociali@comune.mira.ve.it
Data ultima modifica: 04-04-2024
Approfondimenti
torna all'inizio del contenuto