GEN032024
 03 gennaio 2024

CONTRASTO INQUINAMENTO PM10 MIGLIORAMENTO QUALITÀ DELL'ARIA

CONTRASTO INQUINAMENTO PM10 MIGLIORAMENTO QUALITÀ DELL'ARIA

Stagione Invernale - Da Gennaio 2024 al 30 Aprile 2025

Vengono prorogate, per le stagioni invernali e fino 30 aprile 2025, in linea con quanto definito dalla Regione Veneto e condiviso nel Tavolo Tecnico Zonale della Città metropolitana le misure temporanee e omogenee per il miglioramento della qualità dell'aria ed il contrasto all'inquinamento locale da PM10, che riguardano sia provvedimenti di limitazione del traffico veicolare, sia provvedimenti di limitazione all'utilizzo degli impianti termici per la climatizzazione invernale, all'utilizzo dei generatori di calore, di divieto di combustione all'aperto, di spandimento dei liquami zootecnici ubicati nell'intero territorio comunale

I provvedimenti sono strutturati su “livelli di allerta”, da verde a rosso, in funzione della qualità dell'aria, secondo un meccanismo di attivazione legato ai superamenti del valore limite giornaliero di legge per il PM10 ed alle previsioni meteo che verranno comunicati da Arpav.

Le principali limitazioni:
TRAFFICO (per le deroghe vedi Ordinanza)
ALLERTA VERDE Livello 0 (da lunedi a venerdì dalle 8:30 alle 18:30)
Autovetture e Veicoli privati e commerciali
BENZINA euro 0 - 1 DIESEL 0 - 1 - 2 - 3 - 4
Motocicli e Ciclomotori euro 0
ALLERTA ARANCIONE Livello 1 (tutti i giorni dalle 8:30 alle 18:30)
Autovetture private
BENZINA euro 0 - 1 - 2 DIESEL 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 5
Veicoli commerciali
BENZINA euro 0 - 1 - 2 DIESEL 0 - 1 - 2 - 3 - 4
Motocicli e Ciclomotori euro 0 - 1
ALLERTA ROSSA Livello 2 (tutti i giorni dalle 8:30 alle 18:30)
Autovetture private
BENZINA euro 0 - 1 - 2 DIESEL 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 5
Veicoli commerciali
BENZINA euro 0 - 1 - 2 DIESEL 0 - 1 - 2 - 3 - 4 (euro 5 dalle 8:30 alle 12:30)
Motocicli e Ciclomotori euro 0 - 1

IMPIANTI TERMICI (per le deroghe vedi Ordinanza)
ALLERTA VERDE Livello 0 (tutti gli impianti terminici)
temp. non superiore 17°C (+2 tolleranza) negli edifici industriali, artigianali ed assimilabili;
temp. non superiore 19°C (+2 tolleranza) in tutti gli altri edifici;
divieto utilizzo generatori calore a biomasse inferiori o uguali 3 stelle
ALLERTA ARANCIONE Livello 1 (tutti gli impianti termici e generatori a biomassa)
temp. non superiore 17°C (+2 tolleranza) negli edifici industriali, artigianali ed assimilabili;
temp. non superiore 18°C (+2 tolleranza) in tutti gli altri edifici;
divieto utilizzo generatori calore a biomasse inferiori o uguali 4 stelle
ALLERTA ROSSA Livello 2 (tutti gli impianti termici e generatori a biomassa)
temp. non superiore 17°C (+2 tolleranza) negli edifici industriali, artigianali ed assimilabili;
temp. non superiore 18°C (+2 tolleranza) in tutti gli altri edifici;
divieto utilizzo generatori calore a biomasse inferiori o uguali 4 stelle

COMBUSTIONE ALL'APERTO (per le deroghe vedi Ordinanza)

ALLERTA VERDE Livello 0
divieto di abbruciamento piccoli cumuli di residui vegetali
ALLERTA ARANCIONE Livello 1
divieto di abbruciamento piccoli cumuli di residui vegetali, falò rituali, barbecue, fuochi d'artificio e spandimenti liquami zootecnici
ALLERTA ROSSA Livello 2
divieto di abbruciamento piccoli cumuli di residui vegetali, falò rituali, barbecue, fuochi d'artificio e spandimenti liquami zootecnici

Livelli di Allerta
I provvedimenti sono strutturati su tre livelli (verde, arancio e rosso) che si applicano in base alla comunicazione di Arpav in merito ai livelli di concentrazione di PM10. La comunicazione di Arpav viene trasmessa, al Comune, tre volte a settimana e fa riferimento ai giorni antecedenti. L
’attivazione del livello di allerta successivo a quello in vigore e il rientro da un livello di criticità qualunque esso sia (arancio o rosso) vengono definiti dai bollettini di previsione della qualità dell’aria di ARPAV (bollettino PM10 e bollettino nitrati) e terranno conto delle previsione meteorologica e modellistica di condizioni atmosferiche critiche.

Il bollettino emesso da Arpav è consultabile all’indirizzo http://www.arpa.veneto.it

Per ulteriori informazioni consultare "Misure temporanee per il miglioramento della qualità dell'aria ed il contrasto all'inquinamneto da pm 10"

Data ultima modifica: 20-07-2015