SET192019
 19 settembre 2019

COMUNICATO STAMPA DEL 19/09/2019

COMUNICATO STAMPA DEL 19/09/2019

E' la prima esposizione articolata su due comuni. "Come un fiume l'arte" oltre che il titolo della mostra dedicata a Luciano Zarotti, aperta dal 21 settembre al 12 ottobre, è anche l'auspicio di questa iniziativa che vede nell'arte occasione di sinergia e connessione tra due comuni limitrofi, bagnati dallo stesso fiume, il Brenta. Due le sedi espositive, Villa dei Leoni a Mira e Villa Concina a Dolo e quindi due le inaugurazioni in programma per sabato 21 settembre: alle ore 11 a Mira e alle ore 17,30 a Dolo, entrambe con la presenza del professore e noto critico d'arte Salvatore Settis. Protagonista dell'iniziativa, promossa da Mir'arti, in collaborazione con le due Amministrazioni comunali e col patrocinio della Città metropolitana di Venezia, è l'artista veneziano, residente in Riviera, Luciano Zarotti, uno dei rari maestri viventi, testimone ed erede di una tradizione tecnica e inconografica che appartiene al territorio.

 

"E' la prima volta - sottolinea il sindaco di Mira Marco Dori - che i due comuni si alleano per ideare un progetto culturale sulle arti visive ma anche una prova di collaborazione istituzionale che costituisce un promettente precedente per future iniziative condivise".

"Zarotti è un artista che ha scelto di vivere nella Riviera del Brenta - aggiunge il sindaco di Dolo Alberto Polo - e con questa mostra realizza quello che con tanta fatica le istituzioni locali cercano di valorizzare, cioè una politica di sensibilizzazione verso l'arte e le iniziative culturali".

"La mostra "LUCIANO ZAROTTI. COME UN FIUME L’ARTE. OPERE DAL 1962 AL 2019" - spiega il curatore della mostra Valerio Vivian - ha propositi ambiziosi: desiderando presentare al pubblico il maggior numero possibile di percorsi tematici e tecniche utilizzate dall’artista, alla fine è diventata, probabilmente, la più ampia e articolata antologica che gli sia stata dedicata. Gli spazi in cui essa si sviluppa sono, nel comune di Dolo, la Barchessa di Villa Concina e l’Ex Macello; nel comune di Mira, ben tre piani di Villa Contarini dei Leoni e la recente Galleria d’Arte presso Piazza Mirasole".

 

Le diverse sedi, fisicamente separate tra loro, e il carattere multiforme della produzione artistica di Zarotti hanno spinto i curatori ad ordinare gli spazi come stanze organizzate per moduli tematici e tecnici autonomi, pur con analogie, collegamenti e affiliazioni iconografiche.  A corpo nudo e Veneziano Pop, a Dolo, sono due mostre indipendenti pur declinando in modo diverso il corpo umano nella sua quotidianità. A Mira nelle sezioni I segni segreti del pittore, Nuova Figurazione, Battaglie e visioni ritroviamo protagonista ancora una volta la figura umana pur riplasmata diversamente; la sua forma viene talvolta plasticamente definita, oppure presentata drammaticamente incompleta perché riassorbita dall’ombra, ma è sempre centrale come termometro che misura le graduazioni dalla materia allo spirito. Nel nostro pittore la natura non si dà quasi mai come rappresentazione ma come paesaggio umano, imbevuto di storia o, al massimo, materia primigenia dove pigmenti, terre, polveri metalliche e agglutinanti generano la forma come si può vedere nelle stanze che contengono le opere Eventi e Rituali.

Tra le novità un Omaggio a Tiepolo e la serie dei Libri e Taccuini illustrati, dove il pittore è come se lavorasse ad una storia della pittura ripercorsa non attraverso interpretazioni storico-artistiche, bensì tecnico-materiche. Molti i disegni presenti in mostra oltre alle ben note calcografie.

La “stanza” presente presso Piazza Mirasole, intitolata Paesaggi Umani: Ricerche ed Esperienze presenta una selezione di lavori grafici e pittorici riassuntivi di molte tematiche e intende focalizzare l’attenzione sulla prassi pittorica di Zarotti, la velocità del tratto, la scioltezza della pennellata, la resa dell’immagine appena suggerita ma già completa al nostro sguardo, la caotica materia che si eleva a forma.

"Sogno un prolungamento della Biennale in Riviera del Brenta - ha affermato Luciano Zarotti in occasione della conferenza stampa di presentazione della mostra - l'idea di fare questa mostra in due comuni incarna proprio la volontà di sviluppare i legami tra queste comunità, per incarnare il concetto di città metropolitana a partire dall'arte. Credo molto nella capacità della Riviera di fare sintesi dell'arte veneziana".

Tra le manifestazioni collaterali sono previste conferenze sull’arte contemporanea, due workshop tenuti dall’artista sulle tecniche grafiche e pittoriche, nonché visite guidate, su prenotazione, per gli studenti.

Durante la mostra verrà proiettato il film documentario sull'artista, realizzato da Pierantonio Tanzola.

 

L'ingresso all'inaugurazione è libero fino ad esaurimento posti.

Data ultima modifica: 20-07-2015
torna all'inizio del contenuto